home

                 

Antichi canti e poesie lionesi

una raccolta di poesie e canti tratti da " storia di Lioni " di Roccopietro Colantuono


Mena lo viento

Mena lo viento e lassalo menÓ

pe l'aria non se pote mantene'

re male lenghe lassele parlÓ

add˛ non vota lo pensiero a te.


Questa Ŕ la strada de' mali consigli

non se re vonno fa' l'affari loro:

Pozzano restÓ senza de figli

sta guagliotta me vonno fa' lassÓ


Mena lo viento e lassalo menÓ

dicitamminne quanto vui vulite

vene no iuorno e nui facimme pace,

o male lenghe, a lo 'nfiermno iarrite


Anna

O tu figliola ca te chiami Anna

lo nome te la misso la Madonna

So crocrettino ca portavi 'nganna


stava appoggiato miezzo a doi colonne


Passa lo tuo amore e te lo domanda

O figliu'lo, chi t'ha dato so fiore ?

L'aggio pigliato su lo pietto de Anna,

add˛ se danno li vasi d'amore.....

***

 

Canto dell' innamorato


Voglio cantane appiedi a sto palazzo

non me ne curo ca ngeia l'altezza:

Cade na preta 'nterra e me scafazza

Io moro e non vedo re toi bellezze


Tu m'hai legato co no verde laccio

no capello de ste bionde trezze,

se ngŔ arrivo a vený mmiezzo a se brazze,

voglio morý co ti pe' a contentezza


                                   
***

Amore contrastato


Amore mio come volimo fane

non ne potima amane tutt'e dui

non ne potimo na vota parlane

messe nge l'hanno re guardie pe nuie


Nui la gente l'avima fa schiattÓ

l'amore sima fane tutt'e dui

e, quanno iamo a la chiesa a sposÓ,

l'uocchi tui e li mii so lampe d'oro;


L'uocchi tui e li mii so doi faville

faran morý l'amante a li flagelli.....

D'oro son dorati li tui capilli,


non se ponno sommÓ quanto so belli

***


La ferita


Tu tiene l'uocchi comm'a doi schoppette,

vai sparanno lo iuorno e la notte

me n'hai data una mmiezzo a sto pietto

fatta me l'hai la ferita a morte


Sanco ca iessi da re mie ferite

dinto a na carafella conservato

iati ncapo de l'anno e la scoprite

Sanco de primo amore che te face

 

***

L' amante

Quanno passo da qua, io passo onesta

pe no' sembrrÓ al la gente ca n'amamo:

tu vasci l'uocchi io vascio la testa:

cosý nui fra de nui nge salutamo

 

L'uocchi de vera amante sonno onesti

amano da vicino e da lontano:

io lo porto come no ramaglietto

isso me porta come rosa 'n mano

 

In memoria di una grande figura Lionese